The Original Shabby

Seguici su: Facebook Google Plus Youtube Instagram Pinterest

I danni dei tarli sul legno e tutto ciò che devi sapere su di essi

(Torna indietro)

COSA SONO I TARLI ?


Esistono insetti, moschine per intenderci, che si nutrono di legno, i tarli sono le loro uova che diventano larve proprio nutrendosi della fibra legnosa morbida e secca dei mobili. All'interno della struttura lignea che hanno attaccato tutte le larve mangiando la fibra creano delle gallerie, piu o meno superficiali fino a quando non diveranno adulte e creando il foro di uscita voleranno all'esterno. La femmina adulta prima di fuoriuscire dal mobile deposita fino a 80 uova che seguiranno lo stesso processo vitale.

Il foro del tarlo che segnala la sua presenza nel mobile è chiaro mentre scuro è un foro vecchio.

I tarli scendono scendono in letargo nell'interno ed a primavera si svegliano, fate attenzione prima di dire che il vostro mobile non ha tarli, ossrvatelo bene e se riscontratae fori chiari e/o polvere tipo segatura sul pavimento eseguite ugulmente un trattamento.

Esistono specie di tarli che sopravvivono all'intenro del mobile fino a 17 anni.




Nella Foto qui sotto sono in stadio avanzato

(oltre che ad essere morti dopo n trattamento antitarlo.)






QUALI LEGNI SONO SOGGETTI AI TARLI?


I Tarli non attaccano tutti i legni ma bensì, quelli morbidi e secchi, il pino maritmo o il carubbo per esempio sono esclusi dalla loro selezione.


COME POSSO EVITARE QUESTO PROBLEMA?


I tarli non sopportano il profumo, il rumore ma sopratutto la fibra legnosa umida, un buon sistema per conbatterli prima del loro attacco è nutrire il nostro mobile, trave o quel che sia con della cera, rendendo appunto meno secco il legno. Più spesso passerete la cera meno rischi avrete.


CHE DANNI PROVOCA IL TARLO?


Molte sono le situazioni dannose a cui possiamo andare incontro quando abbiamo a che fare con i tarli.

Nell'uomo l epiù riscontrate sono le allergie cutanee ed a seconda del tipo di coleottero presente pinzi fastidiosi sugli arti.

Nel mobile, le gallerie create dalle larve e la conseguente mancanza di fibra legnosa crea un forte indebolimento struttoreo del mobile che se non preso in tempo arriva fino al suo decadimento. Il danno estetico è notevole in alcuni casi rimediabile in altri occorre fare una vera e propria ricostruzione dei pezzi mancanti.



COME SI ESEGUE UN TRATTAMENTO ANTI TARLO?


Prima di tutto osservate il mobile e se lo stato di degrato è molto evidente vi consiglio di rivolgervi ad un professionista per essere certi della sua eliminazione, caso contrario ecco come fare:


Fra tutti gli antitarli io ho scelto PERMETARL, che trovate nella sezione prodotti di consumo di questo sito, perchè lo ritengo il più efficace.


Comprate: PERMETARL, delle siringhe usa e getta, ve ne servirano molte in quanto la viscosità di questo antitarlo brucerà la gommina della siringa in breve tempo, (i professionisti usano la siringa di vetro), un paio di guanti in lattice, un pennello low cost, del celofan da muratori.


Se ne siete in possesso spolverate con il compressore foro per foro il mobile, altrimenti passate direttamente alla fase successiva, Dopo aver indossato i guanti Mette il liquido antitarlo in una ciotola e con la siringa lo prelevate e lo iniettate dentro tutti i fori senza tralasciarne alcuno, poichè non abbiamo certezza dell'arrivo del liquido alla larva successivamente pennellate tutto il mobile impreganndolo abbondantemente di antitarlo, non vi preoccupate l'antitarlo non macchia il mobile. Assicuratevi di svolgere questa operazione in un posto areato. Ultimo passaggio prendete il celofan ed imballate sigillandolo bene tutto il mobile che resterà in questa condizione per almeno 25 giorni. A fine tempo sballate e lasciate riposare il mobile per una settimana, osservatelo bene e se presenterà ancora dei segni di polvere o nuovi fori dovete ripetere il trattamento... e cosi via dicendo fino a quando non muoiono tutti :) !


Rimango a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti al numero 3450324691 ed e-mail info@theoriginalshabby.it




Commenti

Nessun commento pubblicato, sii il primo a lasciarne uno...

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "consento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies consulta la nostra Informativa Cookies. Acconsento